Vai al contenuto

Matteo Rizzuto per Bark

MCLOVIN059

Matteo nasce a Modena da una famiglia che mescola le tradizioni emiliane della madre con quelle siciliane del padre.

Finito il percorso che lo ha portato alla maturità, Matteo venne a conoscenza del mondo del design, nel quale trovò la strada da percorrere per seguire le proprie passioni. 

Davanti agli oggetti moderni, Matteo si interroga sempre sul procedimento e il ragionamento che stanno dietro alla nascita di tali oggetti e ancora prima nella mente del progettista.

Matteo considerava, o meglio considera tutt’ora, il design come un’arte che è nata all’inizio del 900 nell’ombra delle arti nobili del tempo (pittura e scultura), ma che ha trovato nel nostro tempo la sua dimensione dove sviluppare il proprio potenziale. 

Trasferitosi allora da solo a Milano, Matteo si è laureato in Design di Interni, corso di laurea che gli ha consentito di sviluppare la propria identità progettuale dentro un oceano di conoscenza senza limiti. Raggiunto questo piccolo traguardo, Matteo ha deciso di continuare gli studi specializzandosi nelle arti visive e della grafica ( il “visual” design), studiando nel corso di Design della Comunicazione sempre del Politecnico di Milano.

Curiosità

Matteo si è creato una identità artistica per i suoi lavori: MCLOVIN059

Il nome è nato dall’ispirazione ad un personaggio di un film diventato cult per la cultura pop-moderna: Suxbad - Tre menti sopra il pelo di Greg Mottola (2007).
Il personaggio in questione è quello interpretato da Christopher Mintz-Plasse (Fogell), ragazzo che sta frequentando il college ed ha raggiunto la maggiore età. In Fogell, Matteo ha trovato coincidenze con il suo modo di essere e di affrontare la vita.

Il prefisso 059, invece, è l’identificativo per la propria città di provenienza: infatti +059 è il prefisso della città di Modena, sua città natale.

Influenze

L’artista che più profondamente ha influenzato il lavoro di mclovin059 è senza ombra di dubbio Keith Haring. Conosciuto navigando su youtube e dopo essersi imbattuto nel documentario diventato leggenda di MrBrainWash sull’arte dei graffiti.

La scintilla è scattata vedendo i video di Haring che riempiva con i suoi omini la metropolitana di New York. Incredibile è stata la capacità dell’artista americano di trasmettere un messaggio solamente attraverso il proprio segno (marker nero).

 

 

 

 

 

 

Condividi: